Science.gov

Sample records for intramurale aortico aspetti

  1. Posttraumatic aortico-right ventricular fistula: a case study.

    PubMed

    Garcia-Ramirez, J R; Holcombe, D J; Garcia-Gregory, J A

    1990-01-01

    Posttraumatic formation of either aortico-ventricular or coronary arterio-ventricular fistulas are rare, albeit well-documented events. A case is presented involving crush injury to the chest complicated by an acute inferior wall myocardial infarction and later associated with an aortico-right ventricular fistula. Progressive right ventricular dilatation dictated subsequent surgical repair in this case, although similar fistulas without dilatation may safely be observed.

  2. Aortico-left ventricular tunnel experience on three different ages

    PubMed Central

    Saritas, Turkay; Erol, Nurdan; Erdem, Abdullah; Karaci, Aliriza; Celebi, Ahmet

    2010-01-01

    Aortico-left ventricular tunnel is extremely rare congenital paravalvar communication between the aorta and the left ventricle. Usually it is treated surgically. In addition to the surgery the tunnel can be closed by percutaneous transcatheter intervention in appropriate patients. We present in this paper 7 months, 10 years, and 1,5 months old three male cases with aortico-left ventricular tunnel that were surgically treated and followed up within 7 years in our clinic. PMID:21264186

  3. Aortico--left ventricular communication: report of a case.

    PubMed

    Chang, H; Hung, C R; Wu, M H

    1990-03-01

    An 11-month-old male infant whose condition had been followed since birth was referred to the National Taiwan University Hospital for management of a congenital heart disease. On admission, this infant was noted to have a systolic and diastolic precordial thrill and a grade 4/6 systolic and diastolic murmur. Echocardiography, cardiac catheterization and cineangiogram revealed aortic stenosis, aortic regurgitation and dilatation of the aortic root. Surgical repair was performed to correct this congenital anomaly due to the progressive congestive heart failure. Intraoperatively, a breach between the aortic valve and the edge of the sinus of Valsalva along the aortic annulus was found. This congenital defect was repaired with a Teflon patch successfully. Postoperatively, this patient convalesced steadily and was discharged. We report this unique case with aortico-left ventricular communication which we believe to be the ninth case in the English-language literature and the first in the Republic of China.

  4. Aortico-left ventricular tunnel in adulthood: twenty-two year follow up.

    PubMed

    Norman, Rose; Kafka, Henryk

    2009-05-01

    Aortico-left ventricular tunnel (ALVT) is a rare congenital cardiac defect that is usually managed by surgical or catheter intervention. This case documents the 22 year follow up of a 44 year old man who has been managed medically through a programme of close clinical and echocardiographic monitoring. This report illustrates that conservative management of Type I ALVT can be undertaken without adverse clinical consequences.

  5. Virtual intraluminal evaluation of aortico-left ventricular tunnel by multislice computed tomography.

    PubMed

    Hsu, Jong-Hau; Wu, Ding-Kwo; Chen, Ying-Fu; Dai, Zen-Kong; Lee, Meng-Hsun; Wu, Jiunn-Ren

    2007-03-20

    The aortico-left ventricular tunnel (ALVT) is a rare abnormal channel that arises from the right coronary sinus through the right ventricular outflow tract to enter the left ventricle below the aortic valve. The unique ability of multislice computed tomography (CT), as applied in the virtual coloscopy, has not been well established in patients with cardiovascular diseases. We herein investigate the virtual intraluminal image in a patient with an ALVT. An 18-year-old male was admitted with a 6-month-long history of progressive exertional dyspnea. He was diagnosed to suffer from ALVT at 5 months of age and received prosthetic patch closure of the aortic opening of the tunnel with mild residual aortic regurgitation. On admission this time, physical examination revealed a grade 3/6 diastolic murmur over the right upper sternal border. A 16-row multislice CT angiography demonstrated an ALVT. In the 3D reconstructed images, the orifice and intraluminal structure of ALVT were clearly visualized at different levels, similar to a real intracardiac endoscopic images. The patient was then referred for aortic valve replacement due to heart failure caused by severe degenerative aortic insufficiency. Our case displayed successfully not only the entire location of ALVT but also demonstrated the virtual intraluminal imaging mimicking endoscopy. This technique provides the virtual visualization of the entire inner image of AVLT, which may not be possible with other imaging modalities.

  6. Clinical value of diagnosing aortico-left ventricular tunnel by echocardiography

    PubMed Central

    Xie, Manying; Yin, Jiabao; Lv, Qing; Wang, Jing

    2016-01-01

    In order to assess the clinical value of echocardiography in the diagnosis of aortico-left ventricular tunnel (ALVT) the echocardiographic data and clinical manifestations of six patients with ALVT were analyzed in the present study. Based on the results, a comprehensive study was conducted regarding 147 cases from related documents. Six patients were confirmed with ALVT by surgery. The echocardiographic images of the patients revealed an abnormal communication beginning in the ascending aorta above the coronary arteries, bypassing the aortic valve, and ending in the left ventricle. The color Doppler flow imaging showed a high-speed to- and -fro flow with or without the involvement of the aortic valve. According to Hovaguimian type casting, there were two cases of type I, two cases of type III, one case of type IV, and one case of type II (postoperative recanalization). Of the 153 cases reported, the accuracy rate of the ultrasound diagnosis was 79.6%, the misdiagnosis rate was 17.1%, and the missed diagnostic rate was 3.3%. In conclusion, echocardiography is the preferred method for non-invasive preoperative diagnosis of the ALVT and can accurately describe the type and involvement of the cardiac structure. PMID:27882155

  7. Urologia: aspetti medico-legali. Cosa l'urologo non può non sapere.

    PubMed

    Rizzotto, Antonio

    2014-12-03

    Medico-legal notes in urologyIn recent years, claims for damages for medical liability have significantly increased. This implies that urologists need to know at least some basic concepts and updates regarding Forensic Medicine. Hence it is mandatory that, beyond the requirements of the law, every physician is covered by insurance liability for medical professionals. With the aim to protect and help the urologist in response to a claim for damages, the Italian Society of Urology has established and activated a "urological first aid", which any member can turn to in a moment of need. In the case of an accident, urologists can contact the "urological first aid" otherwise they can send a letter within 3 days to his/her insurance company, which will analyze the complaint and prepare a brief statement of defence and choose a civil lawyer specializing in medical professional liability. In this paper we will deal with some concepts of forensic medicine, distinguishing between public-liability and penal setting.

  8. Alcuni Aspetti dello Sviluppo Morfosintattico in Italiano (Some Aspects of the Development of Morphology and Syntax in Italian).

    ERIC Educational Resources Information Center

    Chilosi, A; And Others

    1991-01-01

    Discusses research that gathered language samples via videotape recordings from 2 Italian children (one upper class, the other lower class) from the age of 18 months to 36 months, and then analyzes the data to determine the development of morphology and syntax in these children. (19 references) (CFM)

  9. La semantica dei colori: Aspetti teorici e analisi dei cromonimi in italiano e neerlandese (Semantics of Colors: Theoretical Aspects and Analysis of Names of Colors in Italian and Dutch).

    ERIC Educational Resources Information Center

    Ross, Delores

    1989-01-01

    Presents a review of the literature dealing with the theory of the naming of colors. A comparison is made between the names of colors in Italian and Dutch, discussing the differences between languages in terms of the influence of the sociocultural context. (61 references) (CFM)

  10. Operative balloon dilatation for pulmonary atresia with intact ventricular septum.

    PubMed Central

    Hamilton, J R; Fonseka, S F; Wilson, N; Dickinson, D F; Walker, D R

    1987-01-01

    In six infants with pulmonary atresia and intact ventricular septum operative balloon dilatation was used to achieve continuity between the right ventricle and the main pulmonary artery as the initial procedure. Two of the six subsequently needed an aortico pulmonary shunt. All six are alive and well. Images Fig PMID:3676024

  11. Aorta-right atrial tunnel: an interesting type of a congenital coronary artery anomaly.

    PubMed

    Iyisoy, Atila; Celik, Turgay; Celik, Murat; Sag, Cemal

    2014-05-01

    An 18-year-old girl with an aortico-right atrial tunnel originating from the left sinus of Valsalva, in which the left anterior descending and circumflex coronary arteries arose independently from the different parts of the tunnel, was reported. In the differential diagnosis of continuous murmur, this type of tunnel should be taken into consideration. Surgical approach should be offered.

  12. Aorta-Right Atrial Tunnel: An Interesting Type of a Congenital Coronary Artery Anomaly

    PubMed Central

    Iyisoy, Atila; Celik, Turgay; Sag, Cemal

    2014-01-01

    An 18-year-old girl with an aortico-right atrial tunnel originating from the left sinus of Valsalva, in which the left anterior descending and circumflex coronary arteries arose independently from the different parts of the tunnel, was reported. In the differential diagnosis of continuous murmur, this type of tunnel should be taken into consideration. Surgical approach should be offered. PMID:24876862

  13. Grossesse intra murale à propos d'un cas

    PubMed Central

    de Tové, Kofi-Mensa Savi; Salifou, Kabibou; Imorou, Rachidi Sidi; Biaou, Olivier; Boco, Vicentia

    2015-01-01

    La grossesse intra-murale est la variété la plus rare de grossesse extra-utérine. Il s'agit de la localisation de l’œuf dans l’épaisseur du myomètre. En cas de retard diagnostic, l’évolution peut être catastrophique avec rupture utérine et hémorragie cataclysmique. L’échographie permet dans certains cas un diagnostic pré opératoire. Les auteurs rapportent un cas survenu chez une patiente aux antécédents de curetage. PMID:26448812

  14. Management of Traumatic Sinus of Valsalva-Right Ventricular Fistulae

    PubMed Central

    Murphy, J. Peter; Weiland, Anne P.; Adams, Phillip R.; Walker, William E.

    1986-01-01

    Residual intracardiac defects following penetrating injuries to the heart require thorough invasive evaluation and strong consideration for operative repair based upon the degree of hemodynamic compromise. Traumatic aortico-right ventricular fistulae result in high flow left-to-right shunts, and are associated with early onset of congestive failure. Operative repair requires utilization of total cardiopulmonary bypass, ventriculotomy and aortotomy to allow for thorough inspection of the ventricular septum, aortic valve cusps, and coronary ostia. Obliteration of both ends of the fistula (septal and sinus of Valsalva repair) minimizes the risk of recurrence. Images PMID:15227364

  15. [Aneurysms of the abdominal aorta. Fissures in the vena cava. Apropos of 4 cases].

    PubMed

    Ribal, J P; Glanddier, G

    1985-01-01

    Four cases of aortico-caval fistulae of atheromatous origin have been treated over a period of 5 years, a frequency (4.8%) much higher than that reported in the international literature. Diagnosis in each of these 4 cases was suggested by clinical features associating signs of a complicated aneurysm with those of a high-output arteriovenous fistula, angiography showing the arteriovenous communication in one patient only. Treatment of choice is by graft to aneurysm sac and suturing of fistula by an endosaccular approach. Prognosis is much more favorable (mortality 25%) than that of rupture into the free peritoneum (mortality 77,4%).

  16. Treatment of metastatic para-aortic paraganglioma by surgery, radiotherapy and I-131 mIBG.

    PubMed

    Ball, A B; Tait, D M; Fisher, C; Sinnett, H D; Harmer, C L

    1991-10-01

    A patient with a malignant, functioning, aortico-sympathetic paraganglioma and a solitary bone metastasis causing paraplegia was treated by spinal decompression, irradiation of the metastasis, surgical excision of the primary tumour and systemic I-131 meta-iodobenzyl-guanidine (mIBG). Sixteen months after treatment there was no clinical, radiological or biochemical evidence of residual disease and neurological function was restored. The case supports the use of combined treatment incorporating mIBG in patients with metastatic neuroendocrine tumours which demonstrate mIBG uptake.

  17. Management of traumatic sinus of valsalva-right ventricular fistulae.

    PubMed

    Murphy, J P; Weiland, A P; Adams, P R; Walker, W E

    1986-06-01

    Residual intracardiac defects following penetrating injuries to the heart require thorough invasive evaluation and strong consideration for operative repair based upon the degree of hemodynamic compromise. Traumatic aortico-right ventricular fistulae result in high flow left-to-right shunts, and are associated with early onset of congestive failure. Operative repair requires utilization of total cardiopulmonary bypass, ventriculotomy and aortotomy to allow for thorough inspection of the ventricular septum, aortic valve cusps, and coronary ostia. Obliteration of both ends of the fistula (septal and sinus of Valsalva repair) minimizes the risk of recurrence.

  18. Primary repair of interrupted aortic arch and associated heart lesions in newborns.

    PubMed

    Tláskal, T; Chaloupecky, V; Marek, J; Hŭcín, B; Kostelka, M; Tax, P; Kucera, V; Janousek, J; Skovránek, J; Reich, O

    1997-04-01

    Primary repair of interrupted aortic arch and associated heart lesions was performed in 13 patients aged from 1 to 85 days. The surgery was performed through the midline sternotomy approach in extracorporeal circulation and deep hypothermia. Hypothermic circulatory arrest at 14 to 19 degrees C was used for reconstruction of the aortic arch. In all patients it was possible to perform a direct anastomosis between the ascendent and descendent aorta. At the same time closure of the ventricular septal defect was performed in 11 patients, closure of the atrial septal defect in 4, correction of persistent truncus arteriosus in 3, resection of subaortic stenosis in 2, arterial switch repair of transposition of the great arteries in 1, correction of double outlet right ventricle in 1 and patch closure of aortico-pulmonary window in 1 patient. Three (23.1%) newborns died in the early postoperative period: two from sepsis and one from multiple organ failure. Ten patients (76.9%) were followed up for 1 to 29 months postoperatively. All of them are in very good condition with a nonrestrictive aortic anastomosis. Primary one-stage repair of interrupted aortic arch and associated heart lesions is preferred to the two-stage repair in all newborns with this critical congenital heart disease.

  19. AcvR1-mediated BMP signaling in second heart field is required for arterial pole development: Implications for myocardial differentiation and regional identity

    PubMed Central

    Thomas, Penny S.; Rajderkar, Sudha; Lane, Jamie; Mishina, Yuji; Kaartinen, Vesa

    2014-01-01

    BMP signaling plays an essential role in second heart field-derived heart and arterial trunk development, including myocardial differentiation, right ventricular growth, and interventricular, outflow tract and aortico-pulmonary septation. It is mediated by a number of different BMP ligands, and receptors, many of which are present simultaneously. The mechanisms by which they regulate morphogenetic events and degree of redundancy amongst them have still to be elucidated. We therefore assessed the role of BMP Type I receptor AcvR1 in anterior second heart field-derived cell development, and compared it with that of BmpR1a. By removing Acvr1 using the driver Mef2c[AHF]-Cre, we show that AcvR1 plays an essential role in arterial pole morphogenesis, identifying defects in outflow tract wall and cushion morphology that preceded a spectrum of septation defects from double outlet right ventricle to common arterial trunk in mutants. Its absence caused dysregulation in gene expression important for myocardial differentiation (Isl1, Fgf8) and regional identity (Tbx2, Tbx3, Tbx20, Tgfb2). Although these defects resemble to some degree those in the equivalent Bmpr1a mutant, a novel gene knock-in model in which Bmpr1a was expressed in the Acvr1 locus only partially restored septation in Acvr1 mutants. These data show that both BmpR1a and AcvR1 are needed for normal heart development, in which they play some non-redundant roles, and refine our understanding of the genetic and morphogenetic processes underlying Bmp-mediated heart development important in human congenital heart disease. PMID:24680892

  20. AcvR1-mediated BMP signaling in second heart field is required for arterial pole development: implications for myocardial differentiation and regional identity.

    PubMed

    Thomas, Penny S; Rajderkar, Sudha; Lane, Jamie; Mishina, Yuji; Kaartinen, Vesa

    2014-06-15

    BMP signaling plays an essential role in second heart field-derived heart and arterial trunk development, including myocardial differentiation, right ventricular growth, and interventricular, outflow tract and aortico-pulmonary septation. It is mediated by a number of different BMP ligands, and receptors, many of which are present simultaneously. The mechanisms by which they regulate morphogenetic events and degree of redundancy amongst them have still to be elucidated. We therefore assessed the role of BMP Type I receptor AcvR1 in anterior second heart field-derived cell development, and compared it with that of BmpR1a. By removing Acvr1 using the driver Mef2c[AHF]-Cre, we show that AcvR1 plays an essential role in arterial pole morphogenesis, identifying defects in outflow tract wall and cushion morphology that preceded a spectrum of septation defects from double outlet right ventricle to common arterial trunk in mutants. Its absence caused dysregulation in gene expression important for myocardial differentiation (Isl1, Fgf8) and regional identity (Tbx2, Tbx3, Tbx20, Tgfb2). Although these defects resemble to some degree those in the equivalent Bmpr1a mutant, a novel gene knock-in model in which Bmpr1a was expressed in the Acvr1 locus only partially restored septation in Acvr1 mutants. These data show that both BmpR1a and AcvR1 are needed for normal heart development, in which they play some non-redundant roles, and refine our understanding of the genetic and morphogenetic processes underlying Bmp-mediated heart development important in human congenital heart disease.

  1. [Nursing between ethic and aesthetic. Profession described by media].

    PubMed

    Gradellini, Cinzia; Idamou, Sara; Lusetti, Simona

    2013-01-01

    Da una presa visione del messaggio mediatico, riguardo alla figura infermieristica, il ruolo e l’evoluzione che la professione ha avuto negli anni, restano sconosciuti ai non addetti ai lavori. L’obiettivo della ricerca è definire come l’immagine dell’infermiere è descritta dai media. Metodo: analisi di articoli di due quotidiani (a tiratura locale e nazionale) in merito a numero di articoli riguardante la professione, posizione dell’articolo, argomento (malasanità, truffe/reati, lavoro/tagli, riconoscimenti/elogi). A questo è seguita un’integrazione con analisi di quotidiani on line, utilizzando parole chiave. Analisi dei medical drama televisivi, relativamente a presenza, competenze, relazione con medico e paziente, aspetti sociali, contesto di cura in cui opera, impatto sul benessere della persona ed eventuali aspetti etico-deontologici. Risultati: su circa trecento articoli relativi all’ambito della salute, trentanove parlano di infermieri; cinque di questi hanno rilevanza da prima pagina. Il 39% degli articoli parla di truffe/reati, il 19% lavoro/tagli, il 15% malasanità. Dai quotidiani on line emerge un 66% di articoli relativi a truffe/reati. Nei format televisivi alla figura si porge poca attenzione, con competenze generiche a qualsiasi figura diversa da quella medica; quasi esclusivamente di sesso femminile, rispecchia stereotipi considerati di genere. Discussione: da entrambi i media presi in esame emerge una figura poco professionale; nello specifico della televisione, la figura dell’infermiere non ha una precisa identità ed è relegata a un ruolo di debolezza, riscontrabile nel contesto lavorativo e privato.

  2. [Valutazione del carico gestionale in un centro diurno psichiatrico: gravosità e recovery style].

    PubMed

    Callegari, Camilla; Caselli, Ivano; Bertù, Lorenza; Berto, Emanuela; Vender, Simone

    2016-01-01

    RIASSUNTO. Scopo. Nella riabilitazione psichiatrica il piano di trattamento individuale può essere formulato a partire da strumenti che offrano una valutazione multidimensionale del paziente. Il lavoro si propone di analizzare il rapporto tra gravosità (distress degli operatori) e stile di recupero (integration e sealing over) dalla patologia psicotica. Ipotizzando che esso influenzi il carico gestionale, lo studio si pone l'ulteriore obiettivo di acquisire maggiori elementi che indirizzino la formulazione di piani terapeutico-riabilitativi più efficaci. Metodi. Lo studio è stato condotto presso un centro diurno psichiatrico, struttura semi-residenziale dei servizi psichiatrici del Sistema Sanitario Nazionale in Italia. 45 pazienti reclutati sono stati valutati mediante la Neuropsychiatric Inventory (NPI - versione italiana) e la Integration/Sealing Over Scale (ISOS - versione italiana), nell'arco di tre mesi (marzo-giugno 2014). Risultati. Nel campione esaminato è emerso che la disinibizione, l'irritabilità e l'apatia sono i sintomi che provocano maggiore distress negli operatori, in senso assoluto. Inoltre, i risultati indicano che depressione e ansia recano un grado maggiore di distress nei pazienti sealer. Discussione e conclusione. Gli aspetti della disinibizione, dell'irritabilità e dell'apatia sono risultati più gravosi per gli operatori in quanto richiedono maggiore coinvolgimento nella relazione terapeutica. Sintomi ansiosi e depressivi risultano più gravosi nel gruppo dei sealer, segnalando minore tenuta della negazione della psicosi. I dati osservati sembrano provare che conoscere, differenziare e approfondire i diversi aspetti dello stile di recupero di ciascun paziente consente di stimare l'impegno gestionale fin dalla presa in carico e di ridurre il distress e il rischio di burnout degli operatori.

  3. Hirschsprung disease associated with Mowat-Wilson syndrome: report of a case.

    PubMed

    Ferris Villanueva, Elena; Guerrero Bautista, Rocío; Chica Marchal, Amelia

    2015-04-01

    Introducción: La enfermedad de Hirschsprung (EH) o megacolon agangliónico es un trastorno congénito que se caracteriza por la ausencia de células ganglionares intramurales de los plexos mioentéricos submucosos (de Auerbach y Meissner, respectivamente) en tramos distales del intestino, debido al fracaso de la migración de los precursores de estas células desde la cresta neural durante el desarrollo embrionario y asociada a otras anomalías en el 18% restante de los casos, en ocasiones formando parte de síndromes polimalformativos específicos. Objetivo: Este artículo tiene como objetivo presentar la evolución clínica y nutricional de un paciente pediátrico de 14 meses diagnosticado de EH al nacer asociado a MWS, así como evaluar los resultados clínicos de este paciente. Métodos: A través de la revisión de la historia clínica, se estudió la evolución de los datos antropométricos (peso y talla) así como los parámetros analíticos para su valoración. Adicionalmente, se evaluaron las complicaciones asociadas al soporte nutricional y la estrategia terapéutica en el contexto multidisciplinar. Resultados: Paciente de 16 meses, sexo masculino, hijo de padres sanos no consanguíneos inmigrantes de Colombia acude al servicio de urgencias de nuestro hospital por presentar distensión abdominal y vómitos con ausencia de deposiciones espontáneas. Descripción de la composición de la nutrición parenteral recibida durante los 28 días que duró su ingreso hospitalario. Conclusión: La asociación de la enfermedad de Hirschsprung y el síndrome de Mowat-Wilson puede conducir a la necesidad de nutrición parenteral de manera prolongada y presentar con mayor frecuencia desvío del estoma produciéndose un mayor número de complicaciones postoperatorias en estos pacientes, tal y como es el caso de nuestro paciente.

  4. The protective effect of melatonin on remote organ liver ischemia and reperfusion injury following aortic clamping.

    PubMed

    Ozsoy, Mustafa; Gonul, Yucel; Ozkececi, Ziya Taner; Bali, Ahmet; Celep, Ruchan Bahadir; Koçak, Ahmet; Adali, Fahri; Tosun, Murat; Celik, Sefa

    2016-01-01

    Dopo il ripristino della circolazione sanguigna e dell’ossigenazione possono verificarsi gravi danni locali e sistemici ai tessuti temporaneamente ischemici, noti come danni da riperfusione. Lo scopo di questo studio è stato quello di indagare sui possibili effetti protettivi della melatonina nei confronti dei danni sistemici da riperfuzione nel tessuto epatico a seguito dell’occlusione dell’aorta sottorenale. Per questo studio sono stati impiegati un totale di 21 ratti Wistar-albini di sesso maschile, suddivisi in tre gruppi: I gruppo – laparotomia e contemporanea dissezione dell’aorta infrarenale; II gruppo – somministrazione intraperitoneale di circa 1 ml di fisiologica al 0,9% di NaCl 30’ prima e dopo l’operazione di occlusione. Dopo la laparotomia e sua dissezione, l’aorta sottorenale è clampata per 30’ e quindi riabitata al circolo di riperfusione per 2 ore; III gruppo – 30’ prima del clampaggio dell’aorta sottorenale è stata somministrata la malatonina, seguita dal clampaggio aortico per 30’ e un periodo di riperfusione di 2 ore. Sono stati quindi dosati i tassi sierici di aspartate aminotransferasi, alanine aminotransferasi, and lattato dehydrogenase, risultati significativamente più elevate nei gruppi II e III rispetto al gruppo I di controllo. Gli esami di laboratorio sono tornati ai livelli normali nel III gruppo dopo il trattamento. Sebbene si sia avuto un decremento del tasso sierico di IL-1β, IL-6, IL-18, TNF-α, e IFN- γ nel gruppo trattato con melatonina, questo decremento ha assunto valore statisticamente significativo per i livelli sierici di IL- 18, TNF-α, e IFN- γ in paragone con quanto osservato nel II gruppo. I tassi sierici dello stato totale di antiossidanti tissutali (TOC) e dell’indice di stress ossidativo dei tessuti (OSI) sono risultati diminuiti e quelli della capacità antiossidante (TAC) risultano accresciuti dalla melatonina. Il risultato di questo studio suggerisce effetti antiossidanti della

  5. Cutaneous metastasis from lung cancer. Case report.

    PubMed

    Fratus, Giorgio; Tagliabue, Fabio; Mariani, Pierpaolo; Bottazzi, Enrico Coppola; Spinelli, Luisella; Novellino, Lorenzo

    2014-07-21

    Il cancro del polmone rappresenta la patologia maligna maggiormente diagnosticata a livello mondiale. La diffusione metastatica della malattia è piuttosto frequente. Oltre ai classici siti di metastatizzazione (ossea, surreni, fegato, cervello) un sito particolare è rappresentato dalla cute. Il caso presentato riguarda appunto un paziente di 66 anni con metastasi cutanea da neoplasia del polmone. Un uomo di 66 anni, con anamnesi positiva per anuerisma aortico sottorenale, BPCO, cardiopatico e diabetico, giunge alla nostra osservazione per neoplasia del lobo inferiore del polmone sinistro. Dopo un accurato staging preoperatorio, il paziente viene sottoposto a lobectomia inferiore sinistra. L’esito dell’esame istologico è di carcinoma squamocellulare moderatamente e scarsamente differenziato G2-3 pT2bN0. Il paziente viene pertanto inviato al collega oncologo per il regolare follow up. Dopo circa 6 mesi il paziente ritorna alla nostra attenzione per la comparsa a livello del fianco/fossa iliaca di destra di nodulo cutaneo, duro, discromico, dolente ed ulcerato. Le biopsie eseguite, hanno dato esito di carcinoma squamocellulare moderatamente e scarsamente differenziato. Il paziente veniva sottoposto a un TC torace- addome che evidenziava in sede della parete addominale l’assenza d’infiltrazione dei piani muscolo-aponeurotici da parte della neoformazione. Il paziente è stato quindi sottoposto ad intervento chirurgico di asportazione della lesione cutanea. L’esame istologico del pezzo operatorio ha confermato trattarsi di carcinoma squamocellulare metastatico. Le metastasi cutanee da carcinoma del polmone si presentano nel 2,5 - 7,5% dei casi. La sopravvivenza mediana di questi pazienti è di circa 2,9 mesi. L’istotipo maggiormente coinvolto, secondo autori Giapponesi, è l’adenocarcinoma seguito dal carcinoma squamocellulare. Alcuni studi hanno dimostrato la validità dell’approccio chirurgico seguito dalla chemioterapia nei casi di metastasi singole

  6. Ultrasound in the evaluation of interstitial pneumonia.

    PubMed

    Lo Giudice, V; Bruni, A; Corcioni, E; Corcioni, B

    2008-03-01

    Sommario PREMESSA: L'ecografia del torace soltanto di recente ha assunto una sua completa dignità di metodica diagnostica: esperti ecografisti, con esperienza pneumologica, hanno, infatti, dimostrato la possibilità di una applicazione degli ultrasuoni in ambito toraco-polmonare, soprattutto in situazioni critiche, quali quelle emergenti in urgenza, in terapia intensiva o in ambito pediatrico o in corso di gravidanze. SCOPO: Da queste premesse si origina il lavoro, che si propone di individuare, se esistenti, gli aspetti ultrasonografici delle polmoniti interstiziali a genesi infettiva, e il ruolo di supporto (alla radiologia) degli ultrasuoni anche in questo ambito. MATERIALI E METODI: Sono stati studiati 55 soggetti afferiti, nel quinqennio 2001–2006, alla UOS di Ecografia toracica (UOC Pneumologia I) dell'Ospedale M. Santo e dell'UOS di Ecografia Internistica (UOC di Medicina Generale) dell'Ospedale di Rogliano dell'AO di Cosenza, perché affetti da sospetta patologia infettiva respiratoria virale o simil-virale. Tali pazienti sono stati valutati con indagini clinico-funzionali e strumentali (anamnesi + es. obiettivo + esami ematochimici + prove di funzionalità respiratoria + broncoscopia + Rx e HRTC del torace) e con esame ecografico, in cieco, del torace. RISULTATI: Dalla valutazione comparativa tra dati clinico-laboratoristico-strumentali e dati ecografici è emerso che i 55 soggetti studiati sono risultati affetti da polmonite interstiziale. In tali soggetti la diagnosi è stata formulata con l'ausilio delle comuni tecniche di studio, ma anche l'esame US ha permesso la individuazione di segni considerati diagnostici (Lichtenstein) di patologia interstiziale. Dei soggetti esaminati, infatti, 31 (56,36%) hanno mostrato all'ecografia la presenza di artefatti a coda di cometa (>5 per lato) nelle regioni anteriore e laterale del polmone (dato patognomico di patologia interstiziale) e 24 (46,64%) di “quadri misti” (aree di addensamento

  7. [Knowledge and common sense of nurses on the health's inequities: an exploratory study.

    PubMed

    Cotichelli, Giordano; Di Meo, Giorgia; Giampieri, Paolo

    2016-01-01

    Introduzione. I dati statistici per il 2015 parlano di un peggioramento generale delle condizioni di vita e di salute della popolazione in Italia. Le possibili ricadute chiamano l’infermiere ad un coinvolgimento in tema di disuguaglianze nella salute. Lo studio è stato realizzato con lo scopo di valutare quanto gli infermieri conoscono e percepiscono la correlazione fra le condizioni di salute della popolazione e le iniquità di sistema. Metodo. E’ stato condotto uno studio esplorativo attraverso un aggiornamento bibliografico rispetto a precedenti lavori e la somministrazione di questionari a campioni di convenienza di professionisti e studenti di infermieristica e valutazione dei risultati secondo la prospettiva del mixed method. Risultati. La bibliografia infermieristica presente sul piano quantitativo è molto limitata. Il questionario fornisce risposte utili alla valutazione della percezione delle disuguaglianze nella salute in termini di equità orizzontale e verticale. Conclusioni. La conoscenza delle disuguaglianze nella salute non può essere al margine dei lavori scientifici e della stessa letteratura professionale. E’ necessario ridurre il divario fra gli aspetti valoriali propri della professione, che riverberano nella percezione delle iniquità esistenti, e l’assunzione piena del sapere correlato ai determinanti socio-economici della salute e della malattia.

  8. Appendix stump closure with endoloop in laparoscopic appendectomy.

    PubMed

    Caglià, Pietro; Tracia, Angelo; Spataro, Daniele; Borzì, Laura; Lucifora, Bibiana; Tracia, Luciano; Amodeo, Corrado

    2014-01-01

    L’appendicite acuta rappresenta la più comune patologia infiammatoria della cavità adddominale. Mc Burney ne ha per primo descritto il trattamento chirurgico utilizzando la classica incisione nel quadrante addominale inferiore destro. Tale approccio è stato considerato il trattamento standard della patologia appendicolare per più di un secolo, fino all’inizio dell’era video laparoscopica. I rapidi cambiamenti tecnici e gli innegabili vantaggi della procedura videolaparoscopica ha portato ad una ampia diffusione della metodica in ambito clinico. La chiusura del moncone appendicolare, durante l’appendicectomia video laparoscopica, rappresenta uno degli aspetti tecnici fondamentali della procedura per le gravi potenziali complicanze che possono derivare da un suo non appropriato trattamento. Gravi complicanze sono infatti rappresentate da deiscenza, fistole stercoracee e peritonite. La chiusura con endostapler, hem-o-look e legatura intracorporea rappresentano le metodiche più comunemente utilizzate. Tutte le alternative descritte presentano vantaggi e svantaggi e vanno rapportate ai diversi stadi clinici della patologia appendicolare. Va inoltre notato che le differenti metodiche di trattamento del moncone appendicolare non sono state testate in studi randomizzati. In base alla nostra esperienza si può affermare che il trattamento del moncone appendicolare con endoloop può essere utilizzato con sicurezza e dovrebbe essere considerata la metodica di scelta anche in relazione al rapporto costo-beneficio. Metodi alternativi di chiusura del moncone appendicolare andrebbero utilizzati in caso di appendicite flemmonosa o gangrenosa, ascesso peritiflitico e/o contemporaneo trattamento di diverticolo di Meckel.

  9. Parameters predicting follicular carcinoma in thyroid nodules with indeterminate cytology.

    PubMed

    Kunt, Mevlüt; Cirit, Erkan; Eray, Ismail Cem; Yalay, Orçun; Parsak, Cem Kaan; Sakmann, Gürham

    2015-01-01

    La finalità dello studio è quella di cercare di determinare i parametri indicativi di malignità paragonando caratteristiche demografiche e aspetti di benignità o malignità dei loro noduli determinati sui referti anatomo-patologici dopo tiroidectomia in pazienti con citologia FNAB sospetta per neoplasia follicolare. Lo studio è stato condotto su 152 casi di sospetto carcinoma follicolare in base ai risultati della FNAB. Sono stati presi in considerazione l’età, l’eventuale esposizione a radiazioni, livelli sierici di TSH ed i dati ecografici riguardo al numero, diametro, struttura interna, ecogenicità, caratteristiche dei margini, eventuale presenza di alone e di micro calcificazioni interne. Sono stati anche considerati i rilievi scintigrafici dei noduli. L’età media dei pazienti era 48,14 anni (da 20 a 71); 25 (16,5%) di sesso maschile e 127 (83,5%) femminile. La natura maligna era prevalente tra i pazienti con TSH di livello superiore al normale, che non ai livelli normali o inferiori. La presenza di calcificazioni intranodulari [rapporto differenziale: 3,1; 95% di intervallo di confidenza: 1,3-7,4], aumento della vascolarizzazione intranodulare [rapporto differenziale: 14,7; 95% di intervallo di confidenza: 1,4-147,7], assenza di segni di alone [rapport differenziale: 0,1; 95% di intervallo di confidenza: 0,04-0,8], e margini non ben definiti [rapport differenziale: 0,1; 95% di intervallo di confidenza: 0,49-0,3] erano i dati statisticamente significativi più comuni nei casi di malignità. Su questi dati si può concludere che su basi cliniche e su parametri ecografici è possibile fare previsioni sulla malignità di noduli tiroidei di natura indeterminata, ricordando che l’indagine ecografica è un mezzo semplice, facile e di scarso costo nella diagnostica dei noduli tiroidei.

  10. [Compassionate nursing care: the experience of italian nurses].

    PubMed

    De Carlo, Paola; Guerra, Denise; Rega, Maria Luisa; Galletti, Caterina

    2016-01-01

    Scopo. Nella letteratura infermieristica internazionale compassion e compassionate care hanno assunto una notevole importanza e si rivelano essere un fenomeno in divenire. Il concetto di compassionate nursing care risulta poco descritto ed oggettivato nella pratica infermieris-tica nel nostro Paese. Scopo di questo studio è stato di descrivere le esperienze di un campione di infermieri italiani circa il significato di cure infermieristiche compassionevoli. Metodo. È stato condotto uno studio qualitativo. Per la raccolta dei dati sono stati utilizzati i focus group, per analizzare i dati trascritti è stata utilizzata l’analisi di contenuto. Per lo studio è stato individuato un campione propositivo di 21 infermieri, di questi 15 hanno dato la disponibilità a partecipare. Risultati e discussione. Tutti i partecipanti hanno espresso liberamente le loro opinioni. Dall’analisi dei dati relativi alle quattro aree indagate con i focus group: definizione, la propria esperienza, tipologie di pazienti e formazione alle cure infermieristiche compassionevoli sono emersi aspetti contrastanti che variano da accezioni negative e negazione dei termini stessi a significati positivi di amore, carità, empatia, supporto, sostegno, relazione. Interessante ed innovativo è stato l’attribuire l’insegnamento delle cure compassionevoli ai parenti. Conclusioni. E’ risultato difficile per i partecipanti dare una definizione precisa sul significato di cure infermieristiche compassionevoli. E’ emersa la necessità e il desiderio di approfondire questo tema che risulta essere originale e un punto di forza per migliorare l’assistenza infermieristica. Infatti, puntare al recupero di questi valori educando gli infermieri ad erogare cure infermieristiche compassionevoli può sicuramente rappresentare un’implicazione futura per la professione.

  11. [The person inside the patient: a qualitative research on the dignity of people assisted in hospital].

    PubMed

    Giorgi, Sara; Bonfandini, Sara; Rossini, Silvia

    2016-01-01

    Scopo: la dignità della persona assistita e il rispetto per quest’ultima sono aspetti imprescindibili della professione infermieristica. Sviluppare un sapere esperto è possibile qualora il professionista sanitario interpreti il proprio ruolo come soggetto coinvolto in maniera empatica. Lo scopo di questo studio è capire cosa influenzi la dignità degli assistiti attraverso i loro vissuti al fine di comprendere come offrire assistenza umanizzante. Metodo: l’indagine è stata condotta nell’ospedale di Valcamonica, su un campione di 20 soggetti, qui ricoverati nell’agosto 2015, corrispondenti a predefiniti criteri d’inclusione. Come strumento è stata utilizzata un’intervista semistrutturata attraverso domande funzionali al quesito di ricerca. Risultati: la dignità è considerata una caratteristica intrinseca in ogni essere umano. La maggior parte degli intervistati percepisce la dignità come mantenuta, durante il ricovero ospedaliero. I fattori che possono influenzarla sono riassumibili in tre categorie: fattori legati al comportamento del personale sanitario, all’ambiente ospedaliero ed alle condizioni dell’assistito. Conclusioni: la dignità è un concetto ad oggi astratto e nebuloso; ciò nonostante è qualcosa di cui ogni essere umano ha consapevolezza e sa quanto sia importante salvaguardarla. L’ambiente ospedaliero di per sé alienante e le condizioni di fragilità e dipendenza che spesso accompagnano la malattia possono ledere la dignità. Un comportamento corretto e disponibile da parte di chi assiste è ciò che più aiuta a mantenerla; l’approccio clinico che tiene conto solo della malattia e non dell’individualità della persona è inadeguato per ogni tipologia di assistito.

  12. Duplex Doppler ultrasound study of the temporomandibular joint.

    PubMed

    Stagnitti, A; Marini, A; Impara, L; Drudi, F M; Lo Mele, L; Lillo Odoardi, G

    2012-06-01

    Sommario INTRODUZIONE: La fisiologia articolare dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM) può essere esaminata sia dal punto di vista clinico che strumentale. La diagnostica per immagini ha da tempo contribuito con la risonanza magnetica (RM) e anche con la radiografia (Rx) e la tomografia computerizzata (TC) all’analisi della morfologia dei capi articolari e della cinetica condilare. L’esame duplex-ecodoppler è una metodica di largo impiego nello studio delle strutture in movimento in particolar modo a livello delle strutture del sistema vascolare. MATERIALI E METODI: È stata utilizzata un’apparecchiatura Toshiba APLIO SSA-770A, con l’uso di tecnica duplex-ecodoppler multi display, che consente la visualizzazione contemporanea dell’immagine ecografica e dei segnali Doppler utilizzando una sonda lineare del tipo phased array con cristalli trasduttori funzionanti ad una frequenza fondamentale di 6 MHz per gli spettri Doppler pulsati e 7.5 MHz per l’imaging ecografico. Sono stati esaminati nel Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche e Anatomo-patologiche dell’Università “Sapienza” di Roma, 30 pazienti del reparto di Ortognatodonzia dell’Istituto di Odontoiatria della stessa Università. RISULTATI: Nei pazienti normali si è ottenuta un’alternanza regolare degli spettri Doppler, mentre nei soggetti con disfunzioni del complesso condilo-meniscale, si è persa la regolarità della sommatoria degli spettri di Fourier, con altezze incostanti in relazione a spostamenti irregolari del complesso condilo-meniscale. CONCLUSIONI: L’esame ecodoppler si è dimostrato, in tutti i pazienti, capace di discriminare quelli normali dai patologici e tra questi ultimi ha permesso di identificare gli aspetti più significativi delle patologie disfunzionali.

  13. Geogenic Enrichment of PTEs and the " Serpentine Syndrome"(H. Jenny, 1980). A proxy for soil remediation

    NASA Astrophysics Data System (ADS)

    Bini, Claudio; Maleci, Laura

    2014-05-01

    to limit metal absorption to roots so that leaf concentration is generally low; only a few species (e.g. Alyssum bertoloni) are able to accumulate metals in their shoots and leaves. The hypothesis that the cell wall could constitute a barrier against the penetration of PTEs inside the plant tissues is supported by metabolic modifications that make possible plant tolerance to very high metal concentrations, and to low levels of essential nutrients such as P, K, N, Ca, Mn. This vegetation, therefore, is of great interest for the study of resistant mechanisms to PTEs penetration, and therefore could be useful in remediation of metal-contaminated soils. References Bini C., Angelone M., Vaselli O., Coradossi N. (1993) - Pedochemical evolution and trace elements availability to plants in ophiolitic soils. Sci. Tot. Environ ,129, 291-309. Dinelli E., Lombini A. (1996) - Metal distribution in plants growing on copper mine spoils in Northern Apennines, Italy: the evaluation of seasonal variations. Applied Geochem, 11: 375-385. Gabbrielli R. Pandolfini T., Vergnano O., Palandri M.R. (1990) - Comparison of two serpentine species with different nickel tolerance strategies. Plant and Soil, 122: 271-277. Jenny H. (1980) - The soil resource. Springer Verlag, N.Y. Johnston W.R., Proctor J. (1981) - Growth of serpentine and non-serpentine races of Festuca rubra in solutions simulating the chemical conditions in a toxic serpentine soil. J. Ecol., 69, 3, 855-869. Giuliani C., Pellegrino R., Tirillini B., Maleci L. (2008) - Micromorphological and chimical characterization of Stachys recta L. subsp. serpentini (Fiori) Arrigoni in comparison to S. recta subsp. recta (Lamiaceae). Flora, 203: 376-385. Vergnano Gambi O. (1975) - La vegetazione delle serpentine: aspetti ecologici e fisiologici. Inf. Bot. Ital., 7: 344-348. (in Italian)

  14. Calibrazioni a terra e prestazioni in volo di spettrometri ad immagine nel visibile e nel vicino infrarosso per l'esplorazione planetaria

    NASA Astrophysics Data System (ADS)

    Filacchione, Gianrico

    2006-10-01

    progettuale e realizzativa dei parametri e de lle prestazioni strumentali; in generale infatti non solo sarà necessario mantenere le dimensioni, il peso, i consumi elettrici ed il data-volume entro i requisiti disponibili del satellite ma anche ottimizzare i disegni ottici, meccanici ed elettronici al fine di ottenere le massime prestazioni possibili in funzione della natura del target osservato e dei parametri orbitali della missione. Questa tesi descrive i metodi utilizzati per caratterizzare il funzionamento di spettrometri ad immagine per l’esplorazione planetaria. L’attività svolta ha riguardato sia la misura in laboratorio dei parametri strumentali fondamentali sia l’analisi dei dati in volo su cui verificarne ed eventualmente correggerne la risposta. Il funzionamento degli strumenti e la metodologia di calibrazione vengono descritti nelle due parti principali e nelle appendici di questa tesi per gli esperimenti Cassini-VIMS-V e Rosetta-VIRTIS-M. La prima parte è dedicata all’esperimento VIMS-V sul satellite Cassini, il cui disegno ottico, originariamente proposto da Francis Reininger, verrà successivamente riutilizzato e perfezionato su VIRTIS-M (Reininger et al., 1994; Miller et al., 1996). Il capitolo 1 contiene una descrizione dei parametri ottici, strutturali, termici ed elettronici di VIMS-V mettendone in risalto gli aspetti più innovativi del progetto. Vengono inoltre descritti la collocazione dell’esperimento sul satellite Cassini, il coallineamento con gli altri strumenti di remote sensing, i possibili modi operativi ed il formato dei dati scientifici. Il capitolo 2 riguarda il processo di calibrazione ed analisi dei dati in volo di VIMS-V. La procedura eseguita per calibrare radiometricamente lo strumento utilizzando i dati della superficie della Luna e per stimare il flat-field mediante i dati dell’atmosfera di Venere viene dettagliatamente descritta assieme agli algoritmi utilizzati per la rimozione di diversi effetti strumentali (read

  15. Recent developments in human biomonitoring: non-invasive assessment of target tissue dose and effects of pneumotoxic metals

    PubMed Central

    Mutti, A.; Corradi, M.

    2006-01-01

    di ottenere una migliore comprensione dei meccanismi attraverso i quali i tossici inalati inducono un danno polmonare, la valutazione della dose a livello dell’organo bersaglio, in questo caso il polmone, potrebbe essere molto utile. Il condensato dell’aria espirata (CAE) è un fluido ottenuto raffreddando l’aria esalata durante la respirazione a volume corrente ed è una nuova tecnica che può fornire una valutazione della patobiologia polmonare. Il CAE è formato quasi completamente da acqua, quindi rappresenta una matrice biologica ideale per la determinazione d’elementi metallici. Dati presenti in letteratura dimostrano come nel CAE si possono dosare vari metalli tossici ed elementi di transizione, permettendo quindi di proporre questa matrice per la quantificazione della dose al bersaglio di sostanze pneumotossiche. La quantificazione della dose al bersaglio consente di avere informazioni aggiuntive rispetto a quelle ottenute con i tradizionali metodi di monitoraggio biologico in lavoratori esposti, che generalmente consentono di stimare la dose sistemica, ma non l’esposizione delle vie respiratorie ad inquinanti aerodispersi né la frazione trattenuta nel polmone, verosimilmente implicata nella patologia infiammatoria e degenerativa a livello polmonare. In questa breve rassegna sono discussi i dati ottenuti in lavoratori professionalmente esposti a metalli duri ed in fumatori con o senza bronco-pneumopatica cronica ostruttiva (BPCO), per mostrare come il CAE – oltre agli indicatori di esposizione – consente di valutare indicatori di effetto campionati direttamente dal film che riveste le vie respiratorie, fornendo quindi nuovi spunti per meglio comprendere sia gli aspetti cinetici che quelli dinamici della tossicologia dei metalli. PMID:17017350